Trasparenza tecnica o trasparenza estetica

Prototipo in materiale trasparente

Guida sulla produzione di modelli trasparenti (3 di 3)

Appena rientrati dalle ferie, completiamo la nostra serie di articoli sui modelli trasparenti. Questa guida, pensata per aiutare a comprendere come si possono ottenere dei modelli trasparenti dalla stampa 3D e dalle pre-serie in vacuum casting è suddivisa in tre articoli che affrontano i seguenti argomenti:

Nell'area di supporto del sito è inoltre disponibile la guida sui modelli trasparenti in formato completo e stampabile.

Trasparenza tecnica o trasparenza estetica?

Indipendentemente dal metodo di realizzazione (stampa 3D o stampaggio vacuum casting), i trattamenti necessari a lucidare i modelli comportano dei costi e, cosa ancora più importante, non sempre sono possibili. In generale, per poter lucidare e verniciare un oggetto, è necessario che tutte le sue superfici, interne ed esterne, siano accessibili agli utensili di finitura (di solito manuali) ed alla vernice che viene aerografata. Se ciò non è possibile, la trasparenza dell'oggetto sarà in qualche modo ridotta. Questo problema però, in molti casi è meno limitante di quello che può apparire. Per comprendere meglio la situazione conviene fare riferimento alla distinzione che si fa, nella pratica, tra trasparente estetico e trasparente tecnico.

La trasparenza estetica è quella "tipo vetro" che possiamo pretendere per esempio da una lampada o dalla vetrina di un frigorifero: ovvero una trasparenza che ci permette non solo di vedere attraverso senza alcuna attenuazione o deformazione, ma anche di apprezzare la finitura liscia e lucida della superficie.

La trasparenza tecnica è invece quella che possiamo chiedere ad un raccordo in cui vogliamo far passare un liquido, o ad una scatola che dovrà contenere una scheda elettronica: in questo caso, è importante poter vedere attraverso la superficie, ma l'estetica della stessa è molto meno importante perché eventuali difetti non sono rilevanti o si confondono facilmente con gli altri oggetti che costituiscono l'assieme. In questo caso, anche se non si riescono a lucidare e verniciare perfettamente tutte le superfici, spesso l'effetto finale di trasparenza è del tutto accettabile anche perché è importante tenere presente che qualsiasi discontinuità geometrica (spigoli, nervature, fori, torrette, etc.) comporta di per sé una riduzione della trasparenza.

Quando si vuole realizzare un prototipo trasparente è quindi importante stabilire quali sono le reali esigenze perché il cosiddetto "trasparente tecnico", oltre ad essere più facile da ottenere, è molto meno impegnativo dal punto di vista dei costi.

Esempi di finitura standard, trasparenza tecnica, trasparenza estetica.